Skip to content

Puglia, caos negli uffici postali. Sindacati proclamano sciopero: “Situazione insostenibile per clienti e lavoratori”

14 Gennaio 2022
– Autore: Raffaele Caruso
14 Gennaio 2022
– Autore: Raffaele Caruso
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter
Share on linkedin

“Le Segreterie Regionali delle scriventi Organizzazioni sindacali di categoria preannunciano per la prossima settimana lo stato di agitazione delle lavoratrici e dei lavoratori degli uffici postali della Regione Puglia con conseguente mobilitazione e proclamazione dello sciopero”.

Ad annunciarlo in una noto sono i sindacati Cgil, UilPoste, Failp Cisal e Fnc Ugl Comunicazioni. “Le assemblee che stiamo promuovendo negli uffici postali della Regione nel rispetto minuzioso di tutte le norme e i protocolli delle misure anti Covid ci stanno confermando attraverso l’ascolto e la testimonianza del grido di dolore dei Lavoratori che le nostre sensazioni e intuizioni avevano visto giusto: la situazione negli uffici postali è ormai insostenibile sia per i clienti ( soprattutto clienti deboli come anziani e diversamente abili ) sia per i lavoratori addetti allo sportello – si legge -. Sovraffollamento, lunghe code di clienti in attesa sia dentro che fuori gli uffici postali, limitata presenza dei pochi operatori disponibili allo sportello: sono le immagini che fotografano e testimoniano la realtà quotidiana della situazione smentendo e smascherando le immaginazioni virtuali e post-veriterie dello story-telling aziendale che tenta di dissimulare la realtà”.

“Nonostante i nostri reiterati tentativi e richieste di intervento avanzate alle strutture territoriali aziendali per cercare soluzioni adeguate e soddisfacenti ad oggi l’Azienda continua a non riconoscere la realtà che è sotto gli occhi di tutti scambiando il virtuale per il reale e le problematiche rimangono insolute e prive della dovuta attenzione – continuano -. I dirigenti aziendali pugliesi sembrano affetti da afasia congenita e dediti solo a perseguire logiche di risultati e performance sulla pelle dei lavoratori e in taluni casi a bilanciare e soddisfare solo appetiti e logiche consociative”.

“Questi in estrema sintesi i motivi oggetto della nostra iniziativa vertenziale:  la grave ed ormai atavica carenza di operatori di sportello costretti a distacchi continui presso altri uffici perseguendo la famosa logica della coperta corta, straordinario e doppi turni; la sistematica fruizione delle ferie forzate noncurante della già esigua disponibilità dei pochi operatori presenti, formazione e-learning e c.d. “Teams” di Filiale durante l’orario di servizio che distolgono i pochi operatori dalla loro già complicata attività; pressioni commerciali sempre più insistenti; sovraffollamento sale al pubblico complicata recentemente per via della recrudescente pandemia in atto dall’eliminazione ingiustificata e improvvida degli stalli negli uffici postali”, concludono i sindacati.