Skip to content

Senza casa con due figli piccoli, l’amarezza di Antonia: “Sono voluti non frutto di una botta e via”

27 Aprile 2023
– Autore: Redazione Quinto Potere
27 Aprile 2023
– Autore: Redazione Quinto Potere

La gente deve sempre giudicare, deve sempre parlare senza sapere e deve ogni volta dire la propria quando non è stato richiesto alcun giudizio. La cattiveria gratuita, quella che arriva senza un se o un ma e soprattutto da dietro lo schermo di un computer o di un telefono. Quei leoni da tastiera che devono sempre giudicare senza pensare. Tutto questo ci dà enormemente fastidio e darebbe fastidio anche a voi se vi trovasse dall’altro lato della telecamera. Ci riferiamo a tutti quei commenti che sono apparsi sotto al video di Antonia, la mamma di due bimbi che si è trovata a dover vivere in macchina. C’è gente che si è permessa di “suggerire” che i bambini dovrebbero esserle tolti, chi invece ha dedotto, senza alcuna prova, che i due piccoli siano frutti di “una botta e via”. Tutti giudizi che sono dati senza sapere la verità, senza mettersi una mano sulla coscienza, ma soprattutto senza essersi mai messi nei panni dell’altro. Cosa che invece ha fatto Fabio, un nostro lettore, che sa bene cosa significa dover affrontare la disabilità del proprio figlio. Dopo pochi minuti dalla messa in onda del nostro primo servizio ci ha contattato e ha voluto donare 350 euro dei 500 euro di pensione della propria figlia affetta da disabilità per darli ad Antonia e al suo piccolo cieco dalla nascita. La commozione di Antonia, nel ricevere questi soldi, è tanta, ma come ha detto tante volte a lei non servono soldi, ma solo una casa dove poter crescere i suoi figli. “Chi scrive quelle cattiverie non sa cosa significa voler bene a un figlio e dare la propria vita a un figlio. Io lavoro la sera come rider e quindi mi do da fare per non far mancare nulla ai miei figli. Ho bisogno solo di una casa”. Per questo abbiamo ricontattato l’assessore Vito Lacopola che ci ha fatto sapere che Antonia è nella lista dell’emergenza abitativa, che si stanno procedendo con gli sgomberi e sfratti e che sta vedendo se ci sono case di comunità a Bari o provincia. Nel frattempo Antonia ha trovato una sistemazione temporanea e noi siamo sempre in cerca di una casa in affitto che sarà pagata da un imprenditore che vuole aiutare Antonia. Faremo noi da garanti quindi se avete una casa da affittare non esitate a contattarci al 3488966969 o su redazionequintopotere@gmail.com.