Regione Puglia, oggi si discute la mozione di sfiducia a Emiliano: lo scenario in Aula. Rebus Azione

Sarà discussa oggi la mozione di sfiducia nei confronti del governatore pugliese, Michele Emiliano, presentata dal centrodestra due settimane fa, dopo le inchieste e gli arresti per presunti episodi di voto di scambio che hanno portato anche alle dimissioni dell’ex assessora ai Trasporti, Anita Maurodinoia.

La mozione, però, allo stato attuale non sembra avere i numeri per essere accolta: il centrodestra, infatti, può contare su un numero di voti tra i 18 e i 19 voti, mentre ne servirebbero 26 se tutti i consiglieri regionali dovessero essere presenti. Emiliano dovrebbe poter contare sul no del Pd e di Con, di quattro su cinque consiglieri M5s, Per la Puglia, almeno due componenti del gruppo Misto e con ogni probabilità dei tre consiglieri regionali di Azione. Anche se questi ultimi prima vogliono ascoltare cosa dirà Emiliano sulla loro proposta di rotazione di dirigenti regionali e direttori Asl.

Sulla mozione è, quindi, atteso anche un intervento in Aula di Emiliano stesso. Se Azione dovesse votare in favore della mozione del centrodestra, ipotesi che al momento difficilmente si realizzerà, gli equilibri in Aula potrebbero cambiare. Azione, in sostanza, potrebbe diventare l’ago della bilancia, in base anche al numero di presenti. Voterà con l’opposizione invece Italia Viva che, però, può contare solo sul voto di Massimiliano Stellato.

Comunali a Bari, Renzi pronto al colpo di scena: Italia Viva tratta col centrodestra. Addio a Laforgia?

Matteo Renzi e Italia Viva al fianco del centrodestra a Bari e del candidato sindaco Fabio Romito. La suggestione politica sta trovando conferme nelle ultime ore, si parla di una trattativa ormai in fase avanzata tre la parti e che potrebbe essere ufficializzata nei prossimi giorni. A parlarne è La Repubblica.

Renzi dunque potrebbe replicare quanto accaduto alle ultime elezioni regionali in Basilicata, dall’altra parte il centrodestra sta cercando di radunare le forze moderate e del centro per cercare di tornare al Comune dopo 20 anni. Al momento Italia Viva, va ricordato, sostiene il candidato Michele Laforgia del centrosinistra.

Mini rimpasto in Regione, il centrodestra deposita mozione sfiducia a Emiliano: “Scelte senza logica”

“I gruppi di centrodestra nel Consiglio regionale della Puglia – FdI, Lega, FI e La Puglia domani – hanno depositato la mozione di sfiducia al governatore Michele Emiliano, così come avevano annunciato”. Lo comunica il capogruppo di FdI, Francesco Ventola.

“Emiliano – afferma – non solo non si è dimesso, ma ha dato vita a un mini rimpasto senza logica. Ma di questo avremo modo di parlarne quando la mozione di sfiducia che abbiamo depositato, oggi come preannunciato, e che sarà discussa in aula: noi ci auguriamo che avvenga il prima possibile, vale a dire il prossimo Consiglio convocato per il 7 maggio”. “È qui – conclude – che il presidente Emiliano dovrà dar conto non al centrodestra ma ai cittadini pugliesi”.

Puglia, caos in Regione: M5S non firmerà la sfiducia a Emiliano. Matrangola verso l’assessorato alla Legalità

“No, non firmeremo la mozione del centrodestra”. Il Movimento 5 Stelle, nonostante la decisione di Conte di ritirare i pentastellati dalla giunta e in attesa di definire la posizione dei 4 consiglieri regionali e soprattutto decidere se restare in maggioranza o passare all’opposizione, annuncia che non appoggerà la mozione di sfiducia del centrodestra nei confronti del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano. A dichiararlo è stato il portavoce al consiglio regionale Marco Galante. Il tentativo del centrodestra di far cadere la giunta Emiliano (la votazione è in programma il prossimo 7 maggio) sembra essere una mission impossibile numeri alla mano.

E intanto spunta l’ipotesi della nomina di Viviana Matrangola, figlia di Renata Fonte, l’assessora comunale di Nardò uccisa nel 1984 per essersi opposta alla lottizzazione abusiva sul suo territorio, come assessore alla Legalità e alla Cultura. Questa è stata un’esplicita richiesta di Giuseppe Conte che va a braccetto con il provvedimento approvato ieri che prevede il cambio dei dirigenti delle sezioni ad alto rischio di corruzione ogni tre anni (prorogabili di due). Mantragola è una dipendente comunale di Nardò, è molto attiva in Libera e ha recitato un ruolo importante a livello nazionale per la memoria e per la ricerca delle storie e delle testimonianze sulle vittime di mafia.

Amministrative a Bari, ora è ufficiale: Fabio Romito (Lega) è il candidato del centrodestra per il dopo Decaro

Fabio Romito, 36 anni, consigliere regionale della Lega, è il candidato sindaco a Bari per il centrodestra. Lo hanno annunciato in una nota i coordinatori regionali e cittadini di Fratelli d’Italia, Forza Italia, Lega, Noi Moderati, Udc e Liberali Riformisti-N PSI.

“Siamo profondamente fieri e orgogliosi – spiegano – di poter dire alla città di Bari che Fabio Romito è il candidato sindaco del centrodestra. Il nostro candidato sindaco. Una figura giovane, ma già con una lunga esperienza amministrativa. Una risposta chiara alla richiesta forte di rinnovamento che la città si merita in questo momento”.

Inchieste, arresti e dietrofront M5S in Puglia: le reazioni della politica. Centrodestra attacca Emiliano e Decaro

“Più che ondate quelle che si stanno abbattendo sul SISTEMA EMILIANO sono ‘schiaffoni’ (volgarmente si direbbe ‘mazzate’, forse, persino inaspettate) su tutto il centrosinistra barese e pugliese che, con la guida di Michele Emiliano, ma anche con la complicità di Antonio Decaro, perché il sistema si regge se tutti sono complici, hanno cercato il consenso elettorale non sui programmi ma promettendo e dando incarichi, le consulenze, posti di lavoro nel pubblico e nel privato compiacente, presidenze e posti nei Cda delle partecipate, agenzie regionali e chi più ne ha più ne metta. Vale ben poco dire che i due massimi esponenti del PD in Puglia e non solo (Emiliano e Decaro), non sono indagati. Politicamente e moralmente sono responsabili del mercato delle vacche, del poltronificio, del mercimonio e del voto di scambio che hanno messo in atto attraverso politici scelti e PREMIATI da loro. E non si dica: hanno sbagliato a scegliere le persone alle quali affidare il potere, perché niente è peggio dell’inadeguatezza e dell’incapacità di discernere fra il bene e il male… se fosse così Emiliano e Decaro dovrebbero lasciare la politica per manifesta incapacità, per essere paradossalmente come ‘AGNELLI IN MEZZO AI LUPI’”.

Inizia così la nota congiunta dei gruppi regionali del centrodestra (Fratelli d’Italia, Forza Italia, Lega e La Puglia Domani) “Siamo meravigliati? No, non lo siamo. Stile Decaro potremmo tappezzare l’intera sede del Consiglio regionale con tutti i comunicati stampa scritti in tutti questi anni su quanto stava accadendo, su come avveniva la ricerca del consenso in Puglia e su come venivano dati gli incarichi e, spesso, vinti i concorsi. Lo abbiamo messo nero su bianco, denunciato politicamente migliaia di volte, venendo ignorati nel migliore dei casi o derisi in Consiglio regionale proprio da Emiliano che sosteneva che lui vinceva, mentre il centrodestra perdeva! Oggi si capisce il perché – si legge ancora -. Ma siccome in questi giorni le segnalazioni e le denunce fioccano anche nelle nostre mail… prima che giunga la magistratura, che auspichiamo per fare definitiva chiarezza, denunciamo che ci vengono segnalati, in maniera anonima, aspetti preoccupanti e meritevoli di approfondimento da parte della magistratura, nella più grande agenzia regionale, l’ADISU, che ha come presidente del CdA un altro Alessandro Cataldo, omonimo del marito dell’ex assessore Anita Maurodinoia, coinvolto nell’inchiesta sul voto di cambio. Cataldo alla guida dell’ADISU è stato nominato con decreto di Giunta su indicazione del presidente Emiliano, ed è a lui che vogliamo rivolgere alcune domande: anche questo Alessandro Cataldo, come l’omonimo arrestato, non conosce? Le risulta che sia parente dell’indagato e arrestato Alessandro Cataldo Perché fra i curricula arrivati per ricoprire il ruolo di presidente del CdA dell’ADISU lei ha preferito proprio quello di Alessandro Cataldo? Le risulta che la moglie del suddetto sia indagata, nella stessa operazione che ha portato all’arresto di Cataldo, anche lei per voto di scambio?”.

“Ribadiamo, toccherà alla magistratura fare ‘pulizia’, qualora necessaria, e luce su tutte le ombre che come tentacoli attanagliano il Sistema, denominato, ‘Sandrino’, ma nel frattempo il presidente Emiliano ha il dovere politico e morale di assumersi tutte le responsabilità politiche di un sistema di ricerca del consenso che, a quanto sembra, pare che sia diventato, con la sua gestione, un vero e proprio mercimonio. Un mercato delle vacche che ha trasformato la Regione Puglia nel più grande poltronificio d’Italia”, concludono.

Dichiarazione dei consiglieri regionali Fabiano Amati, Sergio Clemente e Ruggiero Mennea. – “Ora anche i 5S hanno riconosciuto l’esistenza di opacità nell’amministrazione regionale, da estirpare, così da mettere fine a tanti mesi di cecità e opportunismo. I protocolli di legalità sono stati la cifra del nostro quotidiano da emarginati e, se non perseguiti, delle nostre ruvidità, nel solco delle norme costituzionali, del diritto penale della libertà e dei principi di legalità formale. Ed essendo stati sempre su quei punti, intesi anche come il rispetto delle leggi nel preservare il giusto procedimento amministrativo e nel garantire l’erogazione di tutti i servizi pubblici, ci sentiamo di dare il benvenuto tra noi ai colleghi dei 5S”.

Nota dei consiglieri regionali di Forza Italia Paride Mazzotta, Napoleone Cera, Paolo Dell’Erba e Massimiliano Di Cuia – “Benvenuti ai colleghi del M5S all’opposizione di Michele Emiliano. Noi da tempo denunciamo la logica di potere che orienta l’azione della maggioranza di governo della Regione ed oggi, finalmente, anche i colleghi pentastellati si accorgono che qualcosa non va. Meglio tardi che mai, dice il vecchio adagio e lo diciamo pure noi. Una domanda, però, sorge spontanea: ora che faranno alle prossime elezioni amministrative? Resteranno nelle alleanze con il Pd e tutto il centrosinistra con cui governavano la Regione fino a poche ore fa oppure, per coerenza, prenderanno altre decisioni? Questa è una domanda seria che rivolgiamo ai colleghi nella speranza, per il bene della Puglia, che abbiano il coraggio di andare fino in fondo e non stringere accordi con le stesse persone dalle quali oggi prendono le giuste distanze. Leggiamo la dichiarazione del presidente Emiliano sull’incarico affidato ad Alfonso Pisicchio alla guida dell’Arti. Il presidente ci tiene a specificare la natura temporanea dell’incarico come se fosse un esimente. Per noi non lo è. E ancora: Emiliano pensa davvero di poter continuare a prendere in giro i cittadini? Ieri, nelle prime ore dalla riunione di Giunta, hanno concordato di far passare la sostituzione di Pisicchio come delle dimissioni e questo significa dire una bugia pubblica. Oggi, finalmente, anche il presidente avverte l’esigenza di utilizzare un vocabolario di verità. Evviva. Poi, ancora una domanda a cui non si è avuta risposta: come spiega il presidente Emiliano la tempistica della sostituzione di Pisicchio proprio a poche ore dal suo arresto? I pugliesi vorrebbero saperlo”.