Una stazione dei Carabinieri nell’ex Manifattura Tabacchi, sopralluogo sul cantiere: “Lavori finiti entro Natale”

Questa mattina il sindaco Antonio Decaro, accompagnato dall’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso e dal comandante provinciale dei Carabinieri Francesco de Marchis, si è recato sul cantiere per la realizzazione della caserma dell’Arma nella ex Manifattura dei Tabacchi, dove sono ripresi i lavori dopo l’interruzione dovuta all’approvazione di una perizia di variante necessaria per ottemperare ad alcune prescrizioni della Soprintendenza. Secondo il cronoprogramma aggiornato i lavori, che interessano il corpo di fabbrica alla sinistra dell’ingresso carrabile di via Pietro Ravanas, si concluderanno nei primissimi giorni del prossimo anno, ma non si esclude la possibilità di poter consegnare la struttura ai Carabinieri già alla fine del mese di dicembre, in modo da consentire l’installazione degli arredi interni senza soluzione di continuità rispetto ai lavori in corso. Attualmente gli interventi riguardano la parte strutturale dell’immobile, con lavorazioni in cemento armato relative alle fondazioni, che reggeranno le zone soppalcate destinate agli alloggi, e alle celle di sicurezza. Successivamente si passerà alla suddivisione degli spazi interni, come da progetto, oltre alla realizzazione di nuove aperture nei setti murari esistenti. Nell’ambito del cantiere si procederà anche alla riqualificazione della fascia esterna del piazzale, a uso esclusivo dei Carabinieri, per ospitare sia le auto di servizio sia il camminamento di accesso alla stazione.

“L’insediamento di una stazione dei Carabinieri nella ex Manifattura dei Tabacchi, al Libertà, oltre ad avere un valore simbolico – ha dichiarato Antonio Decaro – risponde alle tante richieste di maggiore sicurezza dei cittadini di questo quartiere che certamente presenta delle criticità ma che ha anche tante risorse da valorizzare e opportunità da cogliere. Questo nuovo presidio rappresenta certamente una risorsa importante che rientra nel più ampio programma di rigenerazione declinato in diversi interventi e che coinvolge più enti con i quali da tempo stiamo collaborando. La ex Manifattura dei Tabacchi, grazie a questo intervento, ospiterà un’ulteriore funzione utile al quartiere e a tutte le risorse, umane ed economiche, che qui si concentreranno al termine dei tanti interventi in via di realizzazione”.

“Abbiamo ripreso i lavori di questo importante cantiere dopo una sosta dovuta alle integrazioni progettuali richieste tanto dall’Arma dei Carabinieri quanto dalla Soprintendenza per una serie di adeguamenti strutturali – ha spiegato Giuseppe Galasso -. La consegna dei lavori è prevista nei primi giorni del 2024 ma l’impresa ci assicura che, se il cantiere dovesse proseguire senza intoppi, gli interventi termineranno entro Natale. Siamo soddisfatti perché, con questo intervento, un’altra porzione significativa di questo complesso di grande valenza storica e architettonica tornerà a vivere”.

La nuova stazione dei Carabinieri nel quartiere Libertà rientra nella più ampia strategia dell’amministrazione comunale per la rifunzionalizzazione e valorizzazione del compendio dell’ex Manifattura dei Tabacchi, che già ospita il job center comunale Porta Futuro e che attualmente è interessata dal cantiere per la sede unica del CNR in buona parte dell’immobile. Il progetto complessivo riguarda anche la riqualificazione del mercato giornaliero che occuperà superfici più ridotte delle attuali e si concentrerà interamente al piano terra dei due edifici prossimi a via Nicolai. I lavori per la realizzazione della stazione dei Carabinieri, che riguardano una superficie di circa 600 metri quadri, ammontano a 1 milione 490mila euro.

Bari, trova un portafogli con 5mila euro in treno e lo riconsegna alla Polfer: 23enne bitontino rifiuta ricompensa

Un ragazzo bitontino di soli 23 anni trova un portafogli con all’interno 5mila euro tra i sedili della carrozza del suo treno, lo consegna alla Polizia ferroviaria e rifiuta anche di ottenere una ricompensa economica per il suo gesto. Dopo essere sceso dal treno si è recato negli uffici presenti nella stazione di Bari per consegnare il borsello e ha trovato sul posto proprio la proprietaria che, desolata, stava presentando regolare denuncia.