Schianto fatale a Salerno, due carabinieri pugliesi morti: l’ultimo saluto a Francesco Pastore e Francesco Ferraro

Tutta la comunità di Montesano Salentino si è stretta intorno alla famiglia dell’appuntato scelto Francesco Ferraro, 27 anni, di cui oggi si sono celebrati i funerali di Stato nella chiesa Maria Santissima Immacolata. Ferraro è morto la notte tra sabato e domenica scorsi con il collega maresciallo Francesco Pastore, 25 anni: entrambi sono stati travolti da un Suv nel Salernitano. L’uscita del feretro dalla camera ardente allestita nella sala consiliare è stata accolta da un lungo applauso. La bara, avvolta nel tricolore, è stata poi portata in spalla dai carabinieri seguiti dai genitori Paola e Antonio, dai suoi fratelli Gigi, Michele e Alessandro, e dalla sua fidanzata Carmela con il loro cagnolino in braccio.

Prima dell’arrivo nella chiesa madre del paese in provincia di Lecce, il corteo funebre si è fermato davanti la casa della nonna di Francesco, che ha salutato il nipote scomparso sull’uscio di casa, seduta sulla sua carrozzina. In segno di lutto tutte le attività del paese si sono fermate. Ad accogliere il feretro c’erano centinaia di persone sia all’esterno sia all’interno della chiesa. Qui, su un cuscino di velluto rosso, è stato poggiato il cappello della divisa di Francesco. Tante le autorità civili e militati intervenute, tra cui il comandante dell’arma dei Carabinieri, il generale Teo Luzi, che dopo aver reso gli onori al feretro è partito per Manfredonia dove si celebrano i funerali di Pastore. Tra i vertici dell’arma presenti anche Antonio De Vita, comandante interregionale Carabinieri ‘Ogaden’.

“Francesco è già nella casa e nel cuore di Dio”, ha detto nell’omelia monsignor Vito Angiuli, vescovo della diocesi Ugento Santa Maria di Leuca. “Siamo affranti e increduli e anche per me oggi è difficile raccontare quanto accaduto, dare una risposta a tanti interrogativi”, ha aggiungo ricordando il militare salentino scomparso come “l’amico e il fratello che tutti vorremmo: generoso nel suo servizio alla patria, gioviale e volitivo, di un’educazione rara”. Infine, l’appello rivolto ai giovani: “Francesco vi esorta ad amare la vita perché è bella e preziosa. Non sciupatela”.

I funerali del maresciallo dei carabinieri Francesco Pastore, di 25 anni, invece sono stati celebrati nella cattedrale di Manfredonia. Chiesa gremita all’esterno e anche all’interno. Il feretro è stato accolto dal picchetto d’onore dei carabinieri del comando provinciale di Foggia. Sul posto anche il comandante generale dell’Arma, Teo Luzi, assieme alle autorità militari, civili e a rappresentanti istituzionali giunti anche dalla provincia di Salerno. Le esequie sono state celebrate dall’arcivescovo della diocesi Manfredonia Vieste San Giovanni Rotondo padre Franco Moscone.

La Procura di Salerno contesta il reato di omicidio stradale alla donna di 31 anni, Nancy Liliano, ritenuta responsabile dell’incidente avvenuto nel Salernitano e costato la vita al maresciallo dei carabinieri Francesco Pastore, di 25 anni, e all’appuntato scelto dell’arma Francesco Ferraro, di 27 anni e nel quale è rimasto ferito il maresciallo Paolo Volpe, attualmente ricoverato in ospedale. La donna è rimasta coinvolta in passato in vicende di droga.

In particolare, era una delle 15 persone alle quali, nel giugno 2019, al culmine di un’indagine iniziata nel 2015, i carabinieri della Compagnia di Eboli (Salerno) notificarono altrettante misure cautelari, emesse dal gip su richiesta della Dda. Tra i reati contestati, a vario titolo, anche l’associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti. In manette finirono esponenti di spicco della famiglia malavitosa Del Giorno, della Piana del Sele, ritenuta dagli inquirenti in contatto con la ‘ndrangheta dalla quale acquistava la droga da rivendere. Nancy Lilliano decise di patteggiare la pena e venne condannata a tre anni di reclusione.

Omicidio Lello Capriati, oggi i funerali privati al cimitero di Bari. Chi ha sparato è allenato ad uccidere

Si sono svolti al cimitero di Bari questa mattina, in forma privata, i funerali di Lello Capriati, il 41enne ucciso la sera di Pasquetta a Torre a Mare. Ieri è stata firmata un’ordinanza dal vicario del Questore, presenti sul posto questa mattina anche le Forze dell’Ordine.

Continue reading

Bari, 22enne trovato morto in bagno: medici ipotizzano un malore improvviso. Domani i funerali di Domenico

Domenico Buonamico, il 22enne trovato morto il 26 dicembre scorso in un appartamento situato in via Montenegro a Bari, sarebbe deceduto per un malore improvviso. Questo è quanto ipotizzato dal medico legale Antonio De Donno e dell’equipe del Policlinico di Bari dopo l’autopsia, gli esami saranno completati a metà gennaio dopo l’esito degli esami di laboratorio. I funerali della giovane vittima, a cui mancavano pochi esami per conseguire la laurea in Ingegneria al Politecnico di Bari, si terranno nella chiesa di San Ferdinando domani venerdì 29 dicembre alle 16.30.

Taranto, l’ultimo saluto ai tre militari morti sulla ss100: “Stelle che hanno lavorato per la giustizia”

Si sono celebrati questa mattina, nella Chiesa Concattedrale Gran Madre di Dio a Taranto, i funerali di Cosimo Aloia, Alberto Battafarano e Domenico Ruggiero, i tre militari morti nel tragico incidente di lunedì scorso avvenuto sulla ss100 a Mottola. Le tre bare, avvolte dalla bandiera tricolore e dal cappello piumato da bersagliere, sono arrivate insieme nella chiesa gremita in un silenzio irreale.

Continue reading