Tangenti e orologi per superare i concorsi delle Forze Armate: 6 arresti tra loro anche sottufficiali in servizio nel Foggiano

I carabinieri del Ros hanno eseguito 6 misure cautelari nei confronti di 4 sottufficiali e di un ufficiale dell’Aeronautica Militare e di un dipendente del Ministero della Pubblica Istruzione. L’operazione è stata eseguita tra le province di Foggia, Napoli, Roma, Taranto e Benevento. I 6 sono ritenuti responsabili di corruzione, traffico di influenze illecite, falso e sostituzione di persona. Eseguito anche un decreto di sequestro preventivo, finalizzato alla confisca, per oltre 532mila euro nei confronti di due sottufficiali, ritenuti i principali indagati.

Dalle indagini è emerso infatti che i due, entrambi in servizio presso il 32° Stormo di Amendola (Foggia), in concorso con altri soggetti, alcuni dei quali non ancora identificati, sarebbero al centro di un circuito corruttivo per condizionare le procedure di selezione relative al reclutamento delle forze armate e delle forze dell’ordine. I due seguivano i candidati e curavano la loro preparazione, con tanto di simulazione delle varie proprie, scritte e orali, in cambio di denaro, orologi e altri oggetti di valore, fino ad avere anche un ruolo chiave nell’esito del concorso, riuscendo ad avere in anticipo le domande o ad intercedere nelle votazioni finali.

I due sono stati condotti in carcere, un altro è finito agli arresti domiciliari, per gli altri invece disposto l’obbligo di dimora nel comune di residenza, la misura interdittiva della sospensione dai pubblici uffici e servizi per la durata di 4 mesi. Sono indagate anche altre persone, tra cui genitori e parenti dei candidati a concorsi, ma anche un sottufficiale della Guardia di Finanza e un sottufficiale dell’Aeronautica Militare in congedo.

Bufera sui concorsi al Comune. Strani incontri e lettere anonime: consigliere va dai Carabinieri

Torniamo ad occuparci dei tre concorsi per le 6 assunzioni (due istruttori amministrativi, due autisti e due vigili urbani) al Comune di Palo del Colle che stanno facendo parecchio discutere. Dopo aver ascoltato il sindaco Tommaso Amendolara, abbiamo sentito la dottoressa che si è occupata della procedura e il consigliere Antonio Amendolara.

Continue reading

Bari, in servizio da oggi i 61 nuovi dipendenti del Comune: “Entro il 2023 assunti altri 47 tramite concorsi”

Sono da oggi regolarmente in servizio i nuovi dipendenti del Comune di Bari assunti al 30 dicembre 2022. Si tratta di 61 unità suddivise tra: 53 vigili urbani (ctg C), 5 assistenti scolastici per gli asili nido (ctg B), 2 assistenti sociali (ctg D), 6 ufficiali di Polizia Locale (ctg D) a cui si aggiungeranno altri 3 nel mese di febbraio, 1 webmaster, 2 amministratori di Sistema informativo (ctg D) e infine 1 esperto linguistico (ctg D). A renderlo noto l’assessore al personale Vito Lacoppola: “Come da impegni presi, entro la fine dell’anno abbiamo completato l’immissione in servizio delle ultime unità previste secondo i concorsi espletati e nelle prossime settimane provvederemo al completamento delle surroghe per coprire i posti vacanti secondo le rinunce registrate. Continua così il lavoro che, ormai da tempo, stiamo portando avanti sul ricambio generazionale del personale dipendente comunale con una media di 35 anni di età tra i neo assunti del 2022. Per il nuovo anno, invece, proseguiremo secondo le indicazioni approvate con il nuovo piano del fabbisogno articolato sulle annualità 2023/2025 che prevede il reclutamento di 47 nuovi dipendenti, da selezionare mediante concorso pubblico nelle figure di: dirigente tecnico (4 posti), insegnante scuola infanzia (12 posti), istruttore amministrativo finanziario (25 posti), funzionario specialista tecnico (6 posti)”.

Foggia, mazzette fino a 25mila euro per far entrare i propri figli in Aeronautica: indagati 14 genitori e 3 militari

Mazzette da 7 a 25mila euro per fare entrare i propri figli in Aeronautica. A pagarle sarebbero stati 14 genitori, ad intascarle tre militari della base di Amendola. La Procura di Foggia ha aperto un’inchiesta ipotizzando il reato di corruzione. Nelle ultime ore sono stati notificati i 17 avvisi di garanzia, nei prossimi giorni sono in programma i primi interrogatori. Le indagini, nate grazie alle intercettazioni telefoniche e ambientali, riguardano due concorsi e sono coordinate dai Carabinieri. Sono state effettuate anche perquisizioni a carico dei tre militari.