Sacra Corona Unita, minacce di morte alla giudice Mariano e alla pm Ruggiero: un arresto

La polizia ha arrestato una persona ritenuta responsabile mandante di una serie di atti di violenza e minaccia, aggravati dal metodo mafioso, ai danni della giudice Maria Francesca Mariano e della pm Carmen Ruggiero, sotto scorta da settembre dopo aver firmato gli atti dell’inchiesta The Wolf contro la Sacra corona unita.

Le minacce erano state anche rivolte nei confronti di un giornalista. La gip presso il tribunale di Lecce Maria Francesca Mariano e la pm antimafia Carmen Ruggiero nei mesi scorsi sono state destinatarie di lettere intimidatorie con minacce di morte, e anche di tentativi di aggressione durante gli interrogatori. A Mariano lo scorso settembre venne recapitata anche una testa di capretto insanguinata e infilzata con un coltello da macellaio, accompagnata da un biglietto su cui era scritto ‘Così’: la testa dell’animale fu lasciata davanti alla porta della sua abitazione.

L’ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata emessa dal gip di Potenza su richiesta della Dda. I dettagli dell’operazione verranno resi noti nel corso della conferenza stampa programmata alle ore 10.30 presso la sala riunioni della questura di Lecce in via Oronzo Quarta (piazzale stazione), alla presenza del procuratore della Repubblica di Potenza.

L’impegno politico per le Comunali di Bari e il complotto “farlocco”: perché Sandrino deve restare ai domiciliari

A Cataldo non sono bastate le dimissioni da segretario del partito Sud al Centro, così come non è bastato il fatto che la moglie, Anita Mauroinoia, non sia più assessore della Regione Puglia. Sandrino ha dichiarato di essersi separato da lei anni fa e di non vivere più sotto lo stesso tetto, ma all’atto dell’esecuzione della misura cautelare, i due erano nell’abitazione coniugale di Triggiano.

Continue reading

Caso Aesthetic Franco, il prof Giudice: “Di chirurgia estetica si può morire è una cosa seria”

L’inchiesta va avanti. Abbiamo intervistato il prof. Giuseppe Giudice, primario del reparto di Chirurgia Plastica ed Estetica del Policlinico di Bari, membro del Consiglio direttivo nazionale del Sicpre (Società Italiana di Chirurgia Plastica ricostruttiva) e vicepresidente nazionale dell’associazione che raggruppa i professori di chirurgia plastica ed estetica.

Continue reading

Trasferta in Albania, Lello non convince Antonio: c’è il verdetto del giudice

Come rendere felice Lello? Basta portargli le belle notizie. Il giudice ha dato il via libera per la trasferta in Albania. Antonio ha ribadito che non si tratterà di una gita, l’obiettivo primario è quello della cura dentale e Lello dovrà dimostrare, tramite il suo atteggiamento, di averlo capito. Altrimenti salterà tutto. Antonio ha fissato delle regole ben precise. L’inizio non è dei migliori.

Eleganza e massima profumazione, Lello incontra il Giudice: via libera alla ristrutturazione di casa

“Vi prego diteci come è andato l’incontro tra Lello e il Giudice”. Questo e centinaia di altri messaggi sono arrivati in redazione nelle ultime ore. Finalmente vi possiamo aggiornare sul faccia a faccia. Ci sono novità clamorose, non solo per la casa di via Don Bosco.

Continue reading

Testa di capretto e coltello davanti a casa della giudice Mariano: è sotto scorta per le indagini sulla Scu

Una testa di capretto insanguinata e infilzata con un coltello da macellaio, accompagnata da un biglietto in cui è scritto “Così”, è stata lasciata davanti alla porta di casa della giudice leccese Maria Francesco Romano, sotto scorta da alcuni mesi dopo alcune lettere minatorie ricevute. La testa dell’animale sarebbe stata ritrovata la notte tra giovedì e venerdì dalla stessa magistrata che poi ha avvisato le forze dell’ordine. Sull’accaduto indaga la squadra mobile. Le intimidazioni che la giudice riceve sarebbero legate alle indagini che hanno portato all’operazione antimafia con cui lo scorso 17 luglio furono arrestate 22 persone del clan Lamendola-Cantanna ritenuto organico alla Scu. Insieme alla giudice Mariano è finita sotto scorta per le minacce ricevute anche la titolare dell’inchiesta, la pm Carmen Ruggiero.