Tentato furto a Barletta, ladri in fuga speronano l’auto della polizia: due agenti contusi

Due agenti di polizia sono rimasti feriti la scorsa notte dopo aver sventato un furto d’auto in zona Patalini a Barletta. Secondo quanto ricostruito finora, in due sono stati sorpresi mentre armeggiavano accanto alla portiera di un’automobile parcheggiata in strada. A bloccarli è stato l’arrivo della volante che li ha messi in fuga. Ne è nato un inseguimento per le strade della periferia della città: l’auto con a bordo i fuggitivi ha speronato la vettura di servizio degli agenti. I poliziotti coinvolti hanno riportato contusioni giudicate guaribili in pochi giorni. Si tratta dell’ennesimo episodio registrato nell’ultimo mese a Barletta dove l’attività di prevenzione e contrasto ai furti di auto è stata incrementata.

Allarme sicurezza a Bari, Decaro incontra il ministro Piantedosi: “In arrivo 140 agenti e 200 telecamere”

“Il ministro Piantedosi ha assicurato che, entro la fine dell’anno, arriverà a Bari nuovo personale per le forze dell’ordine: circa 70-80 agenti per la polizia di Stato, qualcuno di meno anche per carabinieri, guardia di finanza e vigili del fuoco. Quanto alle spaccate i responsabili non sono legati alla criminalità organizzata, si tratta di gente che vive ai margini della società e che finisce inevitabilmente per essere assicurata alla giustizia. Sulle baby gang il tema è ampio, in città ci saranno nuovi presidi delle forze dell’ordine nelle zone più calde, da piazza Umberto alla stazione, fino a parco Rossani. Ora in città ci sono circa 600 telecamere, entro l’anno ne arriveranno altre 200”.

Ad annunciarlo è il sindaco di Bari, Antonio Decaro, dopo l’incontro che si è tenuto in Prefettura alla presenza del Ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi. Lo stesso ministro ha precisato poi che saranno 40 i carabinieri e 20 i finanzieri in più che arriveranno a Bari entro la fine del 2023. “Abbiamo sottoposto al ministro soprattutto due temi, legati alla criminalità organizzata e all’ordine pubblico – ha aggiunto Decaro come riportato da La Repubblica -. La situazione nella città vecchia è preoccupante, lo spaccio di droga è aumentato probabilmente perché, di recente, sono stati scarcerati alcuni esponenti di rilevo della criminalità organizzata. Ma non lasceremo che Bari torni agli anni ’90, la società è cambiata e certe dinamiche non torneranno. L’ordine pubblico e il contrasto alla criminalità organizzata non sono competenza del sindaco e della polizia locale. Il Comune mette a disposizione gli agenti su richiesta del questore, ma la realtà non è come nei film americani. Io non sono il sindaco di New York, il comandante della polizia locale non è Serpico”.