Omicidio a Manduria, Natale Bahtijari ucciso e gettato in una scarpata: chieste 4 condanne – I NOMI

Il pm Milto Stefano De Nozza della Dda di Lecce ha chiesto la condanna per quattro imputati, tre dei quali accusati di omicidio volontario, nell’ambito del processo per la morte di Natale Naser Bahtijari, il 21enne nato a Campi Salentina, di etnia rom, ucciso la notte tra il 22 e il 23 febbraio 2023 a Manduria e gettato sotto un cavalcavia della via vecchia comunale che conduce ad Oria.

Continue reading

Tragedia sulla Manduria-Maruggio, schianto tra Jeep e autobus: muore 77enne. Diversi feriti

Un’altra tragedia stradale si è consumata ieri pomeriggio in Puglia sulla sp136 che collega Manduria a Maruggio. A perdere la vita un 77enne che viaggiava a bordo di una Jeep che, per cause ancora da accertare, si è schiantata contro un autobus privo di passeggeri. Sul posto è intervenuto il 118, tra i feriti anche l’autista del bus. Le condizioni del 77enne sono apparse subito gravi ed è morto in ospedale qualche ora dopo.

Rapina violenta a magistrato di Brindisi: un arresto a Manduria. In manette anche presunto complice per spaccio

La rapina avvenne nel dicembre 2022: il magistrato fu colpito più volte per sottrargli un orologio e un telefono cellulare, del valore complessivo di alcune migliaia di euro. Ci fu anche il tentativo di attuare il classico schema del “cavallo di ritorno”, cioè di restituire la refurtiva dietro pagamento di una somma di denaro, ma non andò in porto.

Continue reading

Follia a Manduria, picchia la compagna con una mazza e tenta di accoltellare la suocera: arrestato 37enne

Un 37enne di Manduria (Taranto) è stato arrestato dai carabinieri per maltrattamenti in famiglia dopo aver picchiato la compagna convivente e tentato di accoltellare la suocera. L’uomo, presumibilmente in uno stato di alterazione dovuto all’assunzione di droghe, ha colpito più volte alla testa la compagna, anche con l’utilizzo di una mazza. La donna, secondo una prima ricostruzione, sarebbe comunque riuscita a rifugiarsi nel bagno dell’abitazione, la cui porta è stata danneggiata dal 37enne che ha provato a sfondarla. Secondo quanto riferito dalla vittima, al rientro della madre nell’appartamento, il 37enne ha tentato di colpirla all’addome, utilizzando un coltello da cucina, ma senza riuscirvi.

La compagna, quindi, ha tentato di uscire dalla camera in cui si trovava, per aiutare la madre, ma è stata fermata dall’uomo, che con foga ha chiuso la porta, bloccandole la gamba e procurandole altre lesioni. La suocera è poi riuscita a contattare il 112, per chiedere l’intervento dei carabinieri giunti sul posto poco dopo. Il 37enne ha danneggiato, mandandole in frantumi, anche le finestre dell’abitazione. Le due donne sono state accompagnate dal 118 al pronto soccorso dell’ospedale di Manduria, mentre l’uomo è stato condotto in carcere.

Rissa alla fermata per chi deve salire prima sul bus, tre studenti finiscono in ospedale: giovane denunciato

È stato denunciato in stato di libertà per lesioni personali il presunto responsabile della rissa scoppiata tra giovani studenti la mattina del 3 aprile alla fermata del bus situata in piazza Vittorio Emanuele a Manduria. In tre sono finiti in ospedale. Sul posto è stato necessario l’intervento delle ambulanze del 118 e della polizia. Due minorenni sono stati trasportati all’ospedale Marianna Giannuzzi di Manduria mentre il terzo, più grave, è stato trasferito in codice rosso all’ospedale Santissima Annunziata di Taranto. A quanto si è appreso ha riportato un trauma cranico e ferite al volto. Le indagini sono state prontamente avviate, sono stati ascoltati i testimoni e sono state visionate le immagini delle telecamere di videosorveglianza.

Rissa alla fermata per chi deve salire prima sul bus, tre studenti finiscono in ospedale: uno è grave

Scoppia una rissa alla fermata del bus e in tre finiscono in ospedale. L’episodio questa mattina a Manduria, nel Tarantino. Sembra che la rissa sia nata da una disputa su chi dovesse salire per primo sul bus. La lite è avvenuta alla fermata di piazza Vittorio Emanuele. Sul posto l’intervento delle ambulanze del 118 e della polizia. Due minorenni sono stati trasportati all’ospedale Marianna Giannuzzi di Manduria mentre il terzo, più grave, è stato trasferito in codice rosso all’ospedale Santissima Annunziata di Taranto. A quanto si è appreso, ha riportato un trauma cranico e ferite al volto.

Manduria, banda perseguita anziano con raid in casa: un arresto e 3 indagati. Un complice in fuga

Un pensionato 76enne di Manduria, in provincia di Taranto, invalido al cento per cento, sarebbe stato perseguitato, minacciato e derubato più volte nel suo appartamento da una banda composta da un 38enne, che è stato arrestato dai carabinieri; un 19enne, per il quale è stato disposto un divieto di avvicinamento alla vittima; un minorenne, la cui posizione è stata stralciata ed è al vaglio del tribunale competente; e da un complice ancora da identificare. I militari della compagnia di Manduria hanno proceduto all’arresto del 38enne (accusato di rapina) e alla misura del divieto di avvicinamento nei confronti del 19enne, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del tribunale di Taranto Francesco Maccagnano su richiesta della procura. Sarebbero almeno quattro gli episodi contestati agli indagati a partire dal giugno scorso con raid nell’abitazione dell’anziano, minacciato di morte e costretto a consegnare denaro. Nel corso dell’ultimo episodio, la presunta banda era stata costretta a fuggire in seguito all’intervento dei carabinieri che erano appostati nelle vicinanze dopo aver raccolto la denuncia della vittima.